TEMPO DI CASTAGNE TEMPO DI CADUTA PER I NOSTRI CAPELLI

cas.jpgUn’antica credenza asserisce che quando cadono le castagne anche i nostri capelli sono soggetti ad una perdita naturale più marcata che negli altri periodi. I capelli d’altra parte vivono circa un migliaio di giorni e nascono, vivono e muoiono per lasciare posto ad un loro fratello neonato. Il follicolo pilifero che li contiene è una sottile sacca fibrosa circondata da vasi sanguigni che apportano sangue ed ossigeno alla papilla per il nutrimento dei capelli; questa immissione sanguigna è controllata da fibre nervose che raccolgono incessantemente le sollecitazioni provenienti dal nostro organismo. 

Ecco perché spesso la caduta dei capelli è attribuita a fattori emotivi più che a reali cause fisiche. Al di là della calvizie androgenetica legata cioè a cause ormonali, esistono fattori diversi per i quali i capelli cadono o talora vengono sostituiti da altri di consistenza più fine e di lunghezza minore.

Per quel che concerne lo stress ed i fenomeni di affaticamento dobbiamo considerare che gli stati nervosi più accentuati provocano un’alterazione delle normali funzioni dell’organismo e quindi uno squilibrio delle surrenali e della tiroide. Le donnedevono considerare che spesso la caduta autunnale è il risultato dell’igiene sbagliata alla quale hanno sottoposto i capelli nel periodo estivo poiché l’ esposizione eccessiva al sole, al calore ed ai bagni di mare non può che inaridire e danneggiare la capigliatura. Le permanenti e le troppe tinture possono spezzare i capelli per non riferirci poi ai danni creati dall’uso inconsiderato di pettini e spazzole (dimentichiamoci quindi i famosi cento colpi di spazzola propagandati dalle nostre nonne). Usiamo poi shampoo delicato a PH neutro o acido e non troppo frequentemente poiché il cuoio capelluto non va sgrassato eccessivamente perché perde le sue difese naturali e teniamo il phon ad una ragguardevole distanza poiché esso non “scaldi” troppo i capelli. E’ opportuno comunque, qualora sia necessaria un’azione di ripristino che ovvi alla perdita dei capelli e volta a conservare una capigliatura forte e sana, agire sia dall’interno con una buona alimentazione ricca di principi nutritivi e dall’esterno con prodotti che ristabiliscano quelle condizioni ideali di pulizia ed igiene che consentono al ciclo naturale di rinnovamento dei capelli di rimettersi in moto.

Per quel che concerne l’alimentazione ricordiamo che sono fondamentali, per la vitalità dei capelli, uova fresche, carne, farina d’avena, latte fresco oltre all’uso di quei lieviti integrali che oltre all’apporto di vitamina B forniscono un elevato contenuto di acido pantotenico. Cereali integrali come l’avena ricca di silicio, verdure crude in generale, orzo ricco di cistina che è uno delle sostanze deputate alla salute del capello, pane fresco ricco per la presenza del lievito di vitamina H necessaria per la regolazione sebacea. Tra i rimedi che si possono usare dall’esterno, oltre a quelli a base di gelatina di collagene, di cisteina e quelli a base di minoxidil, ricordiamo le fiale per uso topico ed il flacone multidose a base di benzylnicotinato, cistina, pantenolo, lisina e crescina.

Quest’ultimo frutto della ricerca tricologica non deve essere usato a cicli lunghissimi e quasi permanentemente come il Minoxidil2% perchè altrimenti di quest’ ultimo annullano i benefici, ma è capace di promuovere in un tempo breve l’arresto della caduta e, per la presenza della crescina, promette un aumento della crescita piuttosto rapido.

Ricordiamo comunque che è soprattutto il genere di vita che conduciamo ad influenzare la salute dei nostri capelli; cerchiamo di vivere bene e non solo per essi ma soprattutto per la nostra serenità.

Silvana CANEPA – farmacista

TEMPO DI CASTAGNE TEMPO DI CADUTA PER I NOSTRI CAPELLIultima modifica: 2011-09-29T16:55:55+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “TEMPO DI CASTAGNE TEMPO DI CADUTA PER I NOSTRI CAPELLI

I commenti sono chiusi.