Lo scrub, per favorire la respirazione cutanea

scr.jpgChi di noi non vorrebbe una pelle di porcellana, sempre luminosa e splendente, senza impurità o macchie, insomma, una pelle perfetta? Utilissimo per tale scopo è lo scrub, ossia un trattamento di bellezza che serve per eliminare le cellule morte della pelle. Come sappiamo, la pelle si rinnova in continuazione, dallo strato profondo nascono le cellule vitali e ‘fresche’ che, man mano che arrivano in superficie, perdono acqua e luminosità. Dunque più tempo le cellule morte restano nella superficie della pelle, più la pelle apparirà opaca e ispessita. Per questa ragione occorre aiutarla nel rinnovamento cellulare. Saremmo portati a credere che lo scrub sia un trattamento di invenzione della medicina estetica più recente, e invece no! Già nel Corano si legge che l’uomo prima di fare la preghiera deve purificarsi lavando corpo, viso, mani e piedi. E se non può farlo con l’acqua, qualora si trovi nel deserto, deve farlo con la sabbia. In alcune culture orientali, infatti, il rito del bagno turco, dalla spiccata funzione depurativa, per ampliare il suo potenziale detossinante, deve essere preceduto da un massaggio esfoliante, comunemente detto scrub. Gli scrub, oltre a contenere microsfere che, a contatto con la pelle, la esfoliano eliminando le cellule morte, sono ricchi di sostanze altamente idratanti e lenitive che prevengono eventuali irritazioni da sfregamento. Ma come applicarlo al meglio per ottenere il massimo risultato? La soluzione ottimale è fare precedere lo scrub per il viso dal bagno di vapore, che dilata i pori e consente allo scrub di agire più in profondità. Poi, sarebbe preferibile applicare lo scrub sulla pelle umida; massaggiate con movimenti rotatori, quindi risciacquate e, dopo che la pelle è completamente asciutta, potrete proseguire con il quotidiano trattamento di bellezza, applicando una crema specifica; grazie all’asportazione di tutte le cellule morte ispessite, i principi attivi contenuti nella crema penetreranno più a fondo, rivelandosi così più efficaci. Lo scrub andrebbe fatto almeno una volta alla settimana su tutto il corpo: rigenererà il vostro corpo e vi aiuterà ad ottenere una pelle morbida e liscia. In commercio si trovano centinaia e centinaia di scrub ma, in tempi di crisi care amiche, saccheggiamo le nostre dispense e mettiamoci subito all’opera: realizziamo noi il nostro scrub economico ed ecologico!

 

Scrub per il viso con farina d’avena e olio extravergine di oliva

Mescolare un cucchiaio di farina d’avena e tre cucchiai di olio extravergine di oliva. Applicare il composto su tutto il viso, avendo  cura di evitare contorno occhi e labbra e stendendolo soprattutto su mento, naso e fronte (la zona T, ossia quella zona nella quale si concentrano le impurità). Massaggiare per alcuni minuti e risciacquare con acqua tiepida.

 

Scrub per il viso con zucchero e yogurt

Particolarmente adatto per le pelli più secche. Unire un cucchiaio e mezzo di zucchero, esfoliante, ad un cucchiaio di yogurt intero, ad azione purificante. 
Procedere con un massaggio dolce per qualche minuto e poi risciacquare con acqua tiepida.

Lo scrub, per favorire la respirazione cutaneaultima modifica: 2011-11-18T18:40:34+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Lo scrub, per favorire la respirazione cutanea

I commenti sono chiusi.