Rimedi naturali per migliorare la circolazione venosa

massaggi-gambe.jpgCapillari fragili, gambe pesanti e vene varicose sono un problema che affligge circa il 72% della popolazione femminile. Con l’aiuto dell’esperto analizziamo alcuni rimedi naturali

Sono uno degli inestetismi più temuti dalle donne, ma anche un campanello d’allarme di problematiche più gravi. Potrebbero infatti essere l’ avvisaglia di un cattivo funzionamento del sistema circolatorio venoso periferico. Le cause di origine possono essere numerose: predisposizioni genetiche, deficit nutrizionali, temporanee alterazioni ormonali (gravidanza, fase premestruale) e scorrette abitudini comportamentali come l’eccessiva esposizione al sole, inattività fisica, soprappeso e stress. Vi sono anche cause di carattere patologico, quali l’ipersurrenalismo, le malattie di Cusching, la sindrome di Ehlers-Danlos e la sindrome di MarfanLa comparsa dei capillari è proprio dovuta ad un ristagno del sangue negli arti inferiori, causa di un sovraccarico dei vasi che, sotto la pressione sanguigna, cedono e si dilatano, diventando così visibiliChi soffre di stitichezza è più esposto al rischio di teleangectasie in quanto il ristagno delle feci nell’intestino provoca una compressione della massa intestinale sulle vene e ostacola il ritorno venoso del sangue che risale verso il cuore. A lungo andare questa situazione può determinare la comparsa di gonfiori e la dilatazione dei capillari. In questo caso è consigliato bere molti liquidi, seguire una dieta ricca di fibre e fare molto movimento. I rimedi sono vari: l’alimentazione è fondamentale ma, per essere efficace, deve comprendere vitamine B, C ed E, rame, zinco, magnesio e selenio. Per chi soffre di fragilità venosa è  da preferirsi un’alimentazione ricca di vitamina C privilegiando quindi lamponi, mirtilli, more, ribes, ciliege, prugne viola, tè verde e succo di limone concentrato. Assumono inoltre un ruolo primario per il miglioramento della circolazione periferica gli acidi grassi essenziali omega-3 contenuti in noci e pesce. Soluzioni molto valide pervengono anche dalla fitoterapia, cioè dall’utilizzo di piante indicate per migliorare la circolazione, come il cipresso, utile in caso di insufficienza venosa, la vite rossa per ridurre la fragilità capillare ed infine il mirtillo, ottimo tonico venoso, vaso protettore della struttura delle arterie, normalizzatore della permeabilità capillare. I preparati a base di centella, inoltre, stimolano la produzione di collagene e rinforzano la parete venosa, rendendo i vasi più elastici e robusti. Il dermatologo Antonino Di Pietro suggerisce, inoltre, di utilizzare pomate alla vitamina K poiché, applicate dopo i microtraumi, riducono al minimo le ecchimosi.(fonte piùsani più belli)

Rimedi naturali per migliorare la circolazione venosaultima modifica: 2011-11-25T09:14:00+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo