Il profumo si sceglie in base al proprio odore

profumi20bottiglie.jpgLa scelta di un profumo che una persona decide di indossare dipende dal suo odore naturale. Di questo sono convinti gli scienziati della Charles University di Praga, guidati da Jan Havlicek, esperto di profumi. E l’odore personale influenza anche l’apprezzamento del profumo che porta un’altra persona. Secondo i ricercatori per questo è molto difficile individuare una fragranza per un partner o un amico.

Al contrario, per sé stessi è facile azzeccare la scelta. Anzi, con il profumo ‘giusto’ si diventa subito più attraenti per il sesso opposto, spiega Havlicek al Daily Mail, perché una fragranza che sta bene non maschera il proprio odore personale, ma lo esalta con una magica combinazione di aromi che si mescola perfettamente con quello naturale. Il problema, quindi, non sussiste per sé stessi, quanto piuttosto per gli altri, se si vuole donare o consigliare un profumo. Altro che prendere in considerazione i gusti e le inclinazioni altrui, l’unico criterio che guida per fare un regalo profumato è il proprio ‘aroma naturale’. Il legame tra l’olfatto e il cervello non è una novità. L’aromacologia già all’inizio degli anni 80 aveva cominciato a studiare gli effetti delle fragranze sull’organismo, delle risposte del corpo e della mente alle stimolazioni olfattive, sia per quanto riguarda le variazioni ormonali, sia la frequenza cardiaca. “Ognuno impiega circa il 3 % del proprio Dna per decifrare i segnali olfattivi – dice Carlo Introini, biologo specialista in cosmetologia – Ô un dato considerevole: il cervello è capace di decodificare circa 10.000 sostanze diverse. Sono tante, come se fossero le parole di una lingua, alcune sono inodori, ma ciononostante, raggiungono il sistema limbico, la zona del cervello che insieme all’ipotalamo regola la sfera emotiva e agiscono sul sistema nervoso in modo subliminale». Gli odori del corpo sono molto importanti per comunicare, soprattutto a livello sessuale. Un uomo che ha l’abitudine di profumarsi acquisisce una maggior disinvoltura ed è più sicuro con le donne. Lo ha accertato lo psicologo inglese Craig Roberts con un esperimento su un gruppo di persone: una parte ha utilizzato un profumo, un’altra l’ha sostituito con una boccetta riempita d’acqua. Durante il corso del test, che è durato diversi giorni, i partecipanti dovevano riferire il loro stato d’animo. Quelli ‘profumati’ erano più sicuri di loro stessi, si sentivano meglio e piacevano di più a un gruppo di donne rispetto a chi non aveva usato profumo. La cosa sorprendente è che le donne non li avevano visti di persona, ma è stato sufficiente per loro vederli in un filmato senza sonoro, per trovarli più attraenti e sessualmente desiderabili. Se il profumo può essere un’arma di seduzione, molto dipende anche dalla quantità. Mai eccedere: una fragranza che risulta piacevole può diventare persino repellente, poiché una delle ragioni che determinano la sgradevolezza di un odore è l’eccessiva intensità. Yehuda Shoenfeld, medico e specializzato nello studio delle malattie autoimmuni allo Sheba Medical Center di Tel Aviv, ha scoperto che le donne depresse perdono parzialmente il senso dell’olfatto e questo le porta a esagerare nella quantità quando si profumano. (fonte ANSA)

Il profumo si sceglie in base al proprio odoreultima modifica: 2012-01-30T13:21:37+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo