MATRIMONIO O CONVIVENZA? – clicca foto x leggere-

convivere.jpgEssere innamorati si sa, fa stare meglio, migliora la salute e scaccia via tristezza e depressione . E per chi fosse ancora indeciso a fare il grande passo, matrimonio o convivenza che sia, si può ironicamente dire che, l’analisi “costi-benefici” dei pro e dei contro della vita di coppia, pende in positivo se si sceglie un tipo di relazione più stabile.

Infatti che si tratti di matrimonio  o di convivenza lo stato emotivo e quello fisico possono decisamente beneficiarne. A questo proposito, infatti, l’ultimo studio condotto da un team di studiosi della Cornell University’s College of Human Ecology, sottolinea che a dispetto di quanto talvolta si possa pensare, convivere con il proprio partner, può comportare alla lunga un appagamento psicologico superiore rispetto a quello che si avrebbe se si fosse sposati.

Proprio così, in base al campione esaminato, composto da quasi 1.000 coppie e oltre 2.700 uomini e donne, chi aveva sperimentato il matrimonio , risultava sì, soddisfatto e felice della propria scelta, ma chi aveva preferito la convivenza, aveva sviluppato un livello di benessere diverso, incrementando la propria  e salute psichica.

Anche se le coppie sposate, nei primi anni di vita insieme, hanno evidenziato gli stessi livelli di felicità di chi conviveva, con il passare del tempo, ne è emerso che marito e moglie, sembravano trasformare quell’iniziale “impeto” psicologico, in tranquillità e quindi in un diminuito stato di stress.

In conclusione, i dati raccolti e pubblicati sul Journal of Marriage and Family, hanno messo in luce che nonostante i maggiori benefici, anche economici della vita coniugale, gli eterni “fidanzati” sembrano essere anche quelli più stabili emotivamente, sicuri di sé e appagati dalla propria individualità, pur all’interno della coppia.

MATRIMONIO O CONVIVENZA? – clicca foto x leggere-ultima modifica: 2012-02-25T07:45:59+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo