Il tradimento rafforza o distrugge?Secondo alcuni sondaggi il tradimento rinsalda la coppia.

Il tradimento è uno degli incubi più grandi di ogni coppia: quando viene a galla la gamma di emozioni che si sollevano è oltraggiosamente dolorosa, e, dalla rabbia alla sfiducia, si viene accecati dalla sofferenza. C’è chi riesce a perdonare, chi si allontana per sempre perché la ferita è troppo grande. Eppure, sembrerà un luogo comune, ma ‘l’amore non è bello se non è litigarello’, e diversi sondaggi rivelano che dietro il tradimento potrebbe stare la chiave di un rapporto solido e duraturo. La maggior parte delle persone sgranano gli occhi di fronte ad una tale affermazione, eppure i sondaggi riportano altro. Vediamo esattamente cosa. 

Innanzitutto, esistono diversi tipi di tradimento. C’è chi si concede una scappatella per insoddisfazione affettiva: di solito ci si concentra così tanto sul fatto che tradire sia sbagliato che si finisce per non pensare a cosa l’ha scatenato. E spesso la motivazione non è una stereotipata ‘leggerezza’ e voglia di avventura, ma magari perché alcune esigenze di natura sessuale ma anche affettiva non vengono soddisfatte dal partner. Secondo il portale dedicato al tema ‘scappatella’ Incontri-Extraconiugali.com, ben il 47% dei fedifraghi (uomini e donne) adducono questa motivazione. Il 36% invece afferma che sfuggire dalla quotidianità e dalla routine sia la ragione per cui si cerca un’avventura. Il tradimento per puro piacere si limita al 17%, sempre secondo il portale. 

Andiamo avanti con i mumeri, e scopriamo che il 48% degli italiani nega la scappatella, mentre solo il 13% finisce per confessarlo. Ma c’è poi un grosso 39% che viene scoperto, (e la maggior parte dei fedifraghi dichiara che non sia tanto il partner quanto i suoi amici o parenti a rivelarlo) anche se qui si potrebbe distinguere i casi tra chi, inconsciamente, vuole farsi scoprire e chi viene ‘beccato’ solo per sfortunate ma coincidenze.

Ma veniamo ora al nocciolo della questione: è vero che il tradimento rafforza la coppia? Secondo il portale ben il 67% degli italiani lo crede: per 6 coppie su 10 una scappatella è terapeutica. Naturalmente non parliamo di amanti fissi ma di ‘scivoloni’ occasionali: secondo il sondaggio condotto da AshleyMadison.com sulla moderna concezione di matrimonio, tra i 250 mila iscritti italiani, tutti sposati o in una relazione stabile e di età compresa tra i 30 e i 50 anni, non ha una visione distruttiva del tradimento e ammette che, proprio grazie ad una scappatella, è riuscito a ritrovare l’armonia coniugale. Pare infatti che il tradimento, nonostante un primo momento di baratro in cui getta la coppia, col tempo rafforzi il valore del legame (ci si rende conto di quanto si tiene all’altra persona). Non solo: è scoprendo una scappatella che molte coppie si rendono conto di avere problemi, quasi il tradimento fosse il campanello d’allarme che prima non si avvertiva. E ancora, spezzando la routine accade di frequente che si riaccenda la passione quando nel letto coniugale si era spenta. 

“A differenza di quello che generalmente si pensa, il tradimento in molti casi può avere degli effetti benefici sulla coppia – spiega Axel Baccari, country manager Italia di AshleyMadison – I ritmi di vita spesso stressanti, i problemi sul lavoro e le preoccupazioni familiari distolgono l’attenzione dalle difficoltà della coppia, che passano così in secondo piano. Una relazione extraconiugale può rappresentare un momento di riflessione utile a correggere la rotta. Il tradimento è diventato qualcosa che le coppie hanno imparato a superare”.

Addirittura secondo uno studio di diritto familiare, il Grant Thornton, dal 2003 ad oggi la percentuale di divorzi causati dalle ‘corna’ è scesa di moltissimo: dall’essere il principale motivo nel passato, oggi non è che il 25% delle cause. Insomma, che la scappatella rovini le famiglie parrebbe essere un falso mito moderno.

TRADI.jpg


Il tradimento rafforza o distrugge?Secondo alcuni sondaggi il tradimento rinsalda la coppia.ultima modifica: 2012-05-22T10:41:14+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo