Il segreto per una storia duratura? Rimandare l’appuntamento sotto le lenzuola

Per far durare tanto una relazione meglio non finire sotto le lenzuola al primo appuntamento. A vestire di verità scientifica un già conosciuto – almeno per le donne – consiglio delle sagge nonne, è uno studio condotto dai ricercatori della Cornell University di New York diretti da Sharon Sassler e pubblicato sull’ultimo numero del Journal of Marriage and Family

 

. Costruire una relazione sessuale graduale piuttosto che finire a letto al primo appuntamento sembrerebbe portare – almeno per quanto riguarda le rappresentanti del «gentil sesso»- a storie d’amore più felici e più durature.

Lo studio – Gli studiosi hanno analizzato i dati di 600 coppie – in cui la donna aveva sempre meno di 45 anni – rilevando che per un terzo dei partecipanti il primo coinvolgimento sessuale aveva avuto luogo entro il primo mese della relazione, mentre per il 28% si era preferito aspettare più di sei mesi.

Convivenza o matrimonio? – La maggior parte delle coppie ha convissuto prima del matrimonio, mentre il 40% si è sposata direttamente. Più dellametà delle donne sposate ha rinviato il coinvolgimento sessuale per più di sei mesi, rispetto al 6,5% delle donne conviventi. Alle coppie sotto osservazione è stato chiesto di dare punteggi a diversi aspetti della loro relazione, tra cui l’impegno, l’intimità, la soddisfazione sessuale, la comunicazione e il conflitto. «Il rinvio del coinvolgimento sessuale è risultato associato a più alti livelli di qualità della relazione – dicono i ricercatori della Cornell University -. Le donne che arrivano all’implicazione sessuale dopo 6 mesi dall’inizio della relazione, infatti, riportano livelli significativamente più elevati nella soddisfazione sessuale, nell’intimità e nel sostegno emotivo rispetto a coloro che si sono ritrovate sessualmente coinvolte entro il primo mese».

 

1.jpg

Il segreto per una storia duratura? Rimandare l’appuntamento sotto le lenzuolaultima modifica: 2012-09-12T05:57:26+00:00da ang2011
Reposta per primo quest’articolo